martedì 10 dicembre 2019

Festa della solidarietà a Milano: con Doppia Difesa e Aristocrazia Europea in difesa delle donne!



Grande festa a Palazzo Parigi di Milano, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, a sostegno della Fondazione Doppia Difesa che si occupa del sostegno alle donne maltrattate, oltre che di importanti attività di pubblicità progresso e prevenzione sociale. A promuovere l'evento “Rinate Libere”, al quale hanno partecipato oltre 200 selezionatissimi ospiti internazionali, la dinamica impresa internazionale Touscè gioielli, con la presidente Fabiana Coalova e la marketing director Paola Filacchione. Madrina della serata è stata la principessa Maddalena Messina Foscari Widmann Rezzonico Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli (incredibile ma vero, con otto nobilissimi cognomi che rappresentano la storia europea, dall'impero di Bisanzo alla serenissima repubblica di Venezia, dal Regno di Aragona alla Sicilia dei Gattopardi, splendidamente romanzata da Giuseppe Tomasi di Lampedusa), accompagnata dal marito Ezra, orgoglioso appartenente alla Polizia di Stato, e dal cugino Piero Remo Caputo dei Duchi di Turano. Con lei anche la famosa testimonial Gessica Notaro e la contessa georgiana Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, vice presidente della associazione culturale Aristocrazia Europea, partner dell'evento. Una serata assolutamente eccezionale e mondana di cultura, solidarietà, moda (con lo stilista Gianni Tolentino), musica (con la Big Band, Filarmonica di Abbiategrasso) e alta cucina (con lo chef stellato Riccardo De Pra). Numerosi gli sponsor ed i VIP internazionali, della antica nobiltà e della borghesia produttiva, della cultura e dello spettacolo, presenti, fra questi: SAR il Principe Serge Karageorgevic di Serbia e Jugoslavia (figlio di SAR la Principessa Maria Pia di Savoia), il Dott. Hubert Ngiaye (console generale dello Zimbawe), Ana Baliashvili (presidente della International Alliance of Business in Europe, IABE di Praga), Tania Missoni e Alessandra Cerruti, il Conte Alberto Uva Parea Marorati Sormani di Missaglia e la dama PR Criss Egger (Bertotti Tatalov), Paola Neri e Dora Invernizzi, Nicola Giliberti e DJ Mario Farjetta di Radio DJ, Nicoletta Pol Brenna del Moia Studio e Monika Zanic di Dasein. Alcune donne hanno raccontato le loro tragiche e commuoventi esperienze di vita e la loro rinascita, anche grazie alla assistenza della fondazione, alla quale è andato il ricavato della serata.





giovedì 5 dicembre 2019

Confraternita Templare di San Michele a Firenze

 
Il giorno 23 novembre 2019, nella splendida cornice delle colline fiorentine, all'Impruneta, si è svolto l'XI Gran Capitolo Internazionale dei Cavalieri Templari di San Michele (esattamente TRUST P.T.H.M. Prioratus Templi Hierosolimitani Mikael ONLUS). I lavori si sono aperti la mattina con il convegno “I Templari e il Priorato di Sion” che ha visto la partecipazione di numerose autorità locali, del mondo accademico e vari ospiti. Nel pomeriggio all'interno della basilica di San Paolo alla croce si è svolto il solenne capitolo rituale durante il quale hanno prestato giuramento nuovi scudieri e cavalieri e sono stati elevati di Grado precettori, commendatori, dignitari ed ufficiali. Durante l'allocuzione il Priore dell'Ordine, S.E. Dott. Raffaele Sepe, Conte della Reale Casa di Svevia, ha siglato una Magna carta di mutua collaborazione per la promozione di attività a carattere culturale e di solidarietà con: l'associazione culturale internazionale Aristocrazia Europea (presidente il Conte Prof. Pierluigi Romeo di Colloredo Mels, archeologo ed egittologo, storico e scrittore, autore di oltre 40 saggi di storia militare), la Confraternita Cavalleresca della Santa Croce di Georgia (rappresentata dalla Contessa caucasica Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, delegata in Italia della Casa Reale georgiana Bagrationi di Imereti), l'Archivio Storico Leopardi di Costantinopoli (sotto la protezione spirituale della Chiesa Greco Ortodossa, presente SAI il Principe Piero Tomassini Paternò Leopardi), e la Gran Commenda dei Santi Giovanni e Lazzaro di Gerusalemme (riconosciuta e benedetta dalla Chiesa Ortodossa Siriaca, presente il Gran Priore, Conte Matteo Guido Giorgio Priori di Letino, che è anche Sindaco di Piadena Drizzona). La rituale cena di gala e beneficenza, con oltre 200 partecipanti, ha fatto calare il sipario su questa edizione ricca di contenuti e importanti novità finalizzate soprattutto ad ampliare l'orizzonte internazionale del PTHM e ad intessere nuovi rapporti e nuove sinergie con importanti organizzazioni.

 

martedì 3 dicembre 2019

COMUNICAZIONI

Tradizione, cultura, arte e solidarietà...

AVVISI IMPORTANTI


Un dono Natalizio ideale per Dame, Nobili e Cavalieri: segni distintivi e identitari di appartenenza, opere artistiche, pezzi unici, dipinti a mano, su pietra e legno, dal maestro araldista Giuseppe Ferraro. I soci di Aristocrazia Europea possono richiedere la riproduzione del proprio stemma di famiglia (solo scudo, corona, motto o cognome) o della croce simbolo dell'ordine cavalleresco di appartenenza, così sostenendo concretamente anche le iniziative culturali e benefiche della associazione, facendo una donazione minima: 100,00€ stemma araldico (su legno 30x40cm o su pietra leccese 25x30cm) e 30,00€ per la croce cavalleresca, sia su legno che su pietra leccese 15x20cm. Un bel dono con una buona azione donazione.

Aggiungiamo che ben quattro diversi selezionati ed affermati artisti, come Laura Rossetti ed i i maestri Marco Ceruti, Stefano Manni e Renzo Tonello, sono convenzionati con Aristocrazia Europea, per fornire, al miglior rapporto qualità prezzo, ritratti e dipinti araldici. Se interessati, dovete contattare la nostra segreteria per richiedere un preventivo: aristocrazia.eu@gmail.com

Sono inoltre aperte le prenotazioni per ottenere finalmente il set completo di socio di Aritocrazia Europea (tessera vitalizia convenzionata, spilla sociale e attestato di appartenenza, con le relative titolazioni legittime riconosciute), il tutto con una donazione minima di 200,00€ (pagamente anticipato).

Infine, è finalmente partito l'ambizioso progetto culturale (unico nel suo genere) del Blasonario di Aristocrazia Europea (sotto la direzione artistica del Nobile Colonnello Stefano Manni di Isola di Torre Maina, e quella scientifica del Conte Prof. Giuseppe Manzoni di Chiosca e Poggiolo, presidente della nostra Consulta Araldica). Tutti gli stemmi saranno ridisegnati a mano, a colori, ed inseriti in un volume che sarà stampato in almeno 3000 copie, distribuite anche a librerie, edicole ed associazioni amiche. Il costo di adesione consiste in una donazione minima di 300,00€ (pagamento anticipato, comprensivi di realizzazone artistica dello stemma, sua digitalizzazione, e la fornitura di una copia della raccolta). Al netto delle spese, per volere dell'artista che opererà gratuitamente, il ricavato andrà: metà alle Sorelle Clarisse Francescane Missionarie del Santissimo Sacramento ("le suore di Padre Pio") del Convento di Bertinoro (FC) e metà alle attività culturali e benefiche di Aristocrazia Europea.




Informazioni e prenotazioni:
aristocrazia.eu@gmail.com

Donazioni semplici e veloci:
https://www.paypal.me/aristocrazia

Simbolica opera artistico araldica di Stefano Manni


Stemmi di: il presidente onorario Principe Don Sforza Ruspoli di Cerveteri, il presidente emerito NH Conte Ezra Foscari Widmann Rezzonico (Tomassini Paternò Leopardi), il presidente effettivo Conte Pierluigi Romeo di Colloredo Mels, la vice presidente Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, il vice presidente Loris Castriota Skanderbegh (Principe d'Albania), il Nobile Roberto Jonghi Lavarini (Walser Freiherr von Urnavas), il Conte Alessandro Romei Longhena (di Bergantino), il compianto Marchese Luigi Coda Nunziante (di San Ferdinando), il Nobile Diego Martino Zoia, il Conte Professor Giuseppe Manzoni di Chiosca e Poggiolo (presidente della Consulta Araldica, storica, genealogica, nobiliare, cavalleresca) ed il Nobile Colonnello Stefano Manni (di Isola di Torre Maina).

Dei sopracitati sono stati riprodotti solo i nudi scudi (volutamente senza elmi, corone, svolazzi, tenenti e onorificenze) a rappresentare lo spirito fraterno e l'essenza culturale del sodalizio. Ezra Foscari ha voluto, dei suoi sei stemmi legittimi, solo quello principale dei patrizi veneti e Dogi veneziani. L'aquila nera bicefala, su sfondo giallo oro, con corona e globo crociati, scettro di governo e spada di difesa, che guarda a oriente e occidente, rappresenta la tradizione imperiale romana, europea ed eurasiatica, bizantina, russa, carolingia e germanica.

Lo stendanrdo di Aristocrazia Europea è stato realizzato a mano dal consocio Maestro Stefano Manni, con tecnica mista ad olio su cartoncino ruvido "martellato" (base cm. 43 altezza cm. 60). Lo stesso realizzerà (con medesima tecnica e dimensione) i singoli stemmi degli associati che vorranno aderire al blasonario di Aristocrazia Europea, facendo una donazione minima di 300,00€ che, per volere dell'artista che opererà gratuitamente, andranno: metà alle Sorelle Clarisse Francescane Missionarie del Santissimo Sacramento ("le suore di Padre Pio") del Convento di Bertinoro (FC) e metà alle attività benefiche di Aristocrazia Europea.