martedì 21 maggio 2019

Roma: conferenza su Paolo Thaon di Ravel


Eventi in Lombardia



Marco Tabili nel consiglio di reggenza


Il Conte Dott. Prof. Don Marco Tabili de Feria y Andrade, Duca di Sammichele e Bellosguardo, Nobile dei Principi Andrade Trastamara, è nuovo membro del consiglio di reggenza di Aristocrazia Europea.

Coordinamento Triveneto e Veneti nel mondo


Il N.H. Dott. Avv. Aldo Rozzi Marin, patriota tradizionalista di antica famiglia patrizia veneta, è stato nominato Coordinatore di Aristocrazia Europea per il Triveneto (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia), le Terre Irredente (Istria, Fiume e Dalmazia), l'Egeo e le antiche colonie veneziane, ed i veneti nel mondo.


Eventi ed iniziative culturali





Cerimonia Ecumenica a Milano

  

 

Milano: Festa dei Santi Elena e Costantino Imperatori Isapostoli, Arcidiocesi Ambrosiana della Chiesa Cattolica. Preghiera ecumenica per i fratelli cristiani perseguitati nel mondo. Rito orientale greco bizantino celebrato dal Reverendissimo Padre Michele Maria Pirotta. Fra i presenti: i Principi Ezra e Piero Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli, il Sevast Reverendissimo Padre Claudiu Ioan Cocan della Chiesa Ortodossa Romena (rappresentante della Casa Imperiale Cantacuzene di Bisanzio, Valacchia, Transilvania e Moldavia), Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri (delegata della Cristianissima Real Casa Bagrationi di Georgia, Armenia e Cilicia), il Duca Costantino Agelasto Sevastopolo (della Unione della Nobiltà Bizantina, Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli), Donna Rosanna Chifari Negri di Aristocrazia Europea, il Conte Enzo Modulo Morosini di Risicalla e Sant'Anna Morosina, il Barone Roberto Jonghi Lavarini, il Comandante Luciano Inserra, l'Avvocato Federico Oriana (presidente ASPESI), la filosofa Francesca Cianfarini ed il grecista Antonio Valsecchi, l'Ing. Romolus Popescu (presidente della associazione dei Romeni in Italia).

 


 



 






mercoledì 1 maggio 2019

Festa di San Costantino a Milano



Giappone Eterno


Auguri, Onore e Gloria alle Loro Maestà i Principi NARUHITO e MASAKO ascesi al Trono del Crisantemo come nuovi IMPERATORI del GIAPPONE. Aristocrazia Europea ha mandato un telegramma ufficiale di congratulazioni alla Ambasciata del Giappone a Roma.

Onore al Comandante Cioffi !




Tutti i patrioti chinano i loro labari per il Cavaliere Ardito Comandante Giancarlo Cioffi, classe 1921, reduce di Russia, volontario della RSI, presidente associazione Arma Cavalleria, Socio Onorario di Aristocrazia Europea, uomo vero, tutto di un pezzo, profondi occhi blu, formidabile stretta di mano, gentiluomo d'altri tempi. Presente! RIP

venerdì 26 aprile 2019

Stefano Manni nel Consiglio Direttivo


Il Nobile Cavaliere Colonnello Stefano Manni di Isola di Torre Maina, ufficiale delle batterie a cavallo, paracadutista, autentico gentiluomo d'altri tempi, pittore, poeta e pianista, entra nel consiglio direttivo di Aristocrazia Europea.

Claudia di Colloredo Mels



In Aristocrazia Europea anche la gentile consorte del nostro presidente, la contessa Claudia Bianchini di Colloredo Mels...

Carmelo Rosso di San Secondo


In Aristocrazia Europea un caloroso benvenuto all'illustre Conte Carmelo Maria Rosso di San Secondo, dei Principi normanni Altavilla di Sicilia

sabato 13 aprile 2019

Santa Croce di Georgia

   

Santissima Croce di Georgia (del Tempio di Gerusalemme e di San Giorgio Megalomartire), Medaglia di Benemerenza (cristiana ecumenica e culturale eurasiatica), legittimo sistema premiale della associazione ACIGEA (in collaborazione con la Fondazione Storica Panchulidze, riconosciuta dalla stato georgiano) con il Patrocinio della Real Casa Bagrationi di Imereti e la Benedizione della Santa Chiesa Ortodossa Apostolica di Georgia. 

ACIGEA (associazione culturale internazionale ecumenica cristiana Italia - Georgia - Eurasia, legalmente costituita e ufficialmente riconosciuta dalla Stato Italiano, dalla Unione Europea e dalla Regione Lombardia). Contatti, informazioni e adesioni: acigea@gmail.com



ARISTOCRAZIA e TRADIZIONE



ARISTOCRAZIA EUROPEA è sinceramente orgogliosa di avere nel proprio Comitato d'Onore ben venti diverse Altezze Imperiali Reali Serenissime, autorevoli rappresentanti di autentiche e storiche dinastie già sovrane. In particolare la nostra associazione culturale internazionale collabora attivamente con la Casa Imperiale Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli (rappresentata dal nostro presidente emerito conte Ezra Foscari Widmann Rezzonico), con la Casa Imperiale Cantacuzene di Bisanzio (rappresentata dal nostro secondo cappellano ortodosso padre Claudio Ioan Cocan), con la Casa Reale Bagrationi Imereti di Georgia (rappresentata dalla nostra vice presidente contessa Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri), i loro ordini cavallereschi di legittima collazione, le loro istituzioni e accademie culturali ed ecumeniche, riconosciute ufficialmente dalle competenti autorità ortodosse. Aristocrazia Europea ha una precisa visione imperiale ed eurasiatica, ed una forte identità cristiana ed ecumenica, in difesa della nostra cività cristiana europea, delle nostre radici e tradizoni, e dei cristiani perseguitati nel mondo.

venerdì 5 aprile 2019

Intervista a Pierluigi di Colloredo Mels


Intervistiamo il presidente della associazione culturale internazionale Artistocrazia Europea, il Conte Prof. Pierluigi Romeo di Colloredo Mels (e ville annesse), classe 1966, uomo di straordinaria cultura, archeologo ed egittologo, autore di oltre 40 libri di storia militare, discendente da una importantissima famiglia nobile friulana, sia feudale che militare, che ebbe importanti incarichi nel Patriarcato di Aquileia e poi nel Sacro Romano Impero, fino ad ottenere il titolo di principi. Fra gli antenati, vi furono generali e feldmarescialli, ambasciatori, ministri e cancellieri, vescovi e cardinali: Girolamo Colloredo fu governatore imperiale della Lombardia e Hieronymus Vescovo di Salisburgo. Marchesi di Santa Sofia, Conti e poi Principi del SRI, possedettero torri, castelli, ville e palazzi (alcuni ancora di loro proprietà) e sono membri del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM), ininterrottamente, da oltre 500 anni. Ben sei Cavalieri Colloredo parteciparono alla epica e santa battaglia di Lepanto, e la metà morì eroicamente in combattimento. Pierluigi Colloredo è uomo dal carattere molto forte, diremmo asburgico, e dalla idee assolutamente chiare, da vero Ufficiale dei Granatieri di Sardegna (le vecchie Guardie della Real Casa Savoia), ma anche generoso, elegante e disponibile come si addice ad un vero gentiluomo.




Lei è esponente di una antica famiglia... Che cosa significa essere nobile nel 2019?

Avere un retaggio, delle tradizioni, il dover essere all'altezza di chi ci ha preceduto: ciò che i romani chiamavano mos maiorum. Io ho sempre presente che il mio stemma non era nato per essere esibito su carrozze o in saloni da ballo, ma per essere dipinto su uno scudo. E la vita è una lotta nella quale non si può seguire che una sola via: quella dell'onore. E che un gentiluomo non deve accettare compromessi.



Lei è un ricercatore storico particolarmente prolifico. Cosa ne pensa della scarsa considerazione che ha oggi la storia nella società e nella scuola?

Chi controlla il passato controlla il futuro, scriveva George Orwell in "1984". Per questo oggi la storia è tanto manipolata: conoscerla è pericoloso per chi vuole imporre un pensiero unico a livello globale. Stravolgere la storia- che è sempre complessa e non univoca- vuol dire tagliare le radici di un popolo, di una Cultura, di una Civiltà. Specialmente da parte di determinate parti politiche che con la falsificazione cercano di imporre una interpretazione partigiana e caricaturale, fideistica e manichea fatta di "buoni" e  di "cattivi", e guai a chi dissente: pena la reprimenda di essere revisionista o peggio. Cosa che mi è capitata da poco.



Lei è stato fortemente contestato dalla estrema sinistra comunista per una conferenza dedicata ai martiri delle foibe. Ci racconti cosa è successo...

Appunto. Quando venni invitato dal Comune di Massa a parlare in occasione del Giorno del Ricordo, tutto il cascame veterocomunista e non massese, dall'anpi alla cgil, dal pd ai 5stelle ai kompagni  di un'occupazione abusiva mi hanno praticamente processato in piazza, senza ovviamente aver mai letto una sola mia riga- probabilmente non hanno letto una sola riga di un libro di storia- gridando al fascista di Casapound ed alla lesa resistenza. Dimenticando chi ha riempito di cadaveri le foibe istriane, ovviamente. Particolarmente colorita una deputata pd locale che voleva nientemeno presentare un'interrogazione parlamentare. Anche quando alla fine ho scelto di non parlare, per evitare la strumentalizzazione di un crimine agghiacciante come la pulizia etnica e la distruzione del l'italianità dell'Istria (che era la XX regione dell'Italia augustea, Venetia et Histria, altro che "invasione fascista"!) i sinistri sono scesi in piazza lo stesso, anche se c'erano più  sigle che partecipanti...




Archeologo, esperto di araldica, appassionato di antropologia ed esoterismo. Che valore ha la simbologia nella storia della umanità?

È fondamentale. Simboli ed allegorie sono ovunque: in una chiesa medievale, nella Commedia dantesca, nell'araldica, in una pagina di Goethe come in un'opera del Borromini, penso alla Fiamma che corona la cupola di S.Ivo alla Sapienza... In una parola: la Tradizione  Viviamo ancora in un mondo "velato da allegorie e svelato da simboli" anche se sempre meno sanno riconoscerli ed interpretarli.




Cosa consiglia a chi, non nato nobile, si vuole avvicinare al mondo della cavalleria?

Sviluppare il proprio io ed imparare più che a condividere a vivere taluni valori: l'onore, il dovere, il sacrificio, la dignità. La cavalleria è devozione, non ambizione. È spirito di sacrificio, non caccia alla decorazione o al mantello colorato. Chi entrava, per esempio, nell'Ordine di Malta al tempo delle Carovane faceva voto di castità, povertà, ubbidienza, e sapeva benissimo che per la Fede avrebbe potuto uccidere ed essere ucciso. Ma anche che come ospitaliere avrebbe dovuto essere al servizio del "Signor Malato". Mutatis mutandis il senso è ancor oggi questo. Disciplina, sacrificio, devozione. La cavalleria era ed è questo.




Quali idee, iniziative e progetti di Aristocrazia Europea per il futuro?

Crescere sempre più culturalmente e spiritualmente nel solco delle Tradizioni europee, essere sempre più presenti nell'aiutare chi ne ha bisogno- far conoscere cosa voglia dire essere nobili non solo di sangue ma in primis d'animo nell'epoca del kali iuga, come direbbe Evola, per tornare alla questione del simbolismo!



Intervista a cura di Gianni Spina (giornalista Free Press, AFI, La Nazione)





sabato 30 marzo 2019

La Battaglia di Anghiari...


Nuovo libro storico del presidente di Aristocrazia Europea, 
Conte Prof. Pierluigi Romeo di Colloredo Mels.


Savoia (Principe e Scuderia) alla Milano-San Remo...


Sua Altezza Reale il Principe di Venezia, Emanuele Filiberto di Savoia, in partenza con la Scuderia (automobilistica) Savoia per la storica comperizione Milano-San Remo. Nella foto insieme al Conte Alberto Uva Parea Marzorati Sormani di Missaglia (responsabile del gruppo dimore storiche di Aristocrazia Europea), alla Gran Dama Crisitna Vittoria Egger Bertotti Tatalov (responsabile grandi eventi di Aristocrazia Europea), a SAR il Principe Serge Karadjeorgevich di Jugoslavia ed al Conte Andrea Boezio Bertinotti Alliata.